Fragole > PIRCINQUE

Descrizione

Tipologia: NUOVE VARIETà ITALIANE DI FRAGOLA IN CORSO DI SPERIMENTAZIONE su Licenza del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura - Unità di Ricerca per la Frutticoltura di Forlì (CRA-FRF)

Caratteristiche generali: Ottenuta nell’ambito del Progetto di miglioramento genetico 

condotto dal CRA-FRF nel metapontino,  insieme alla Società Piraccini Secondo s.r.l. di Cesena. Per il basso fabbisogno in freddo invernale delle piante è adatta principalmente alle aree meridionali, ma può anche adattarsi  alla coltivazione protetta in alcune aree centro-settentrionali; ha un’epoca di maturazione precoce, anticipa di una settimana l’inizio di Candonga®Sabrosa al sud e di qualche giorno Alba al nord. Molto produttiva, soprattutto  se coltivata come pianta “cima radicata”, si distingue per un elevato vigore vegetativo, che  può divenire eccessivo se si ricorre a squilibrati interventi di fertirrigazione azotata. E’ tollerante  ai patogeni dell’apparato radicale e suscettibile  all’oidio e ai marciumi dei frutti. Il frutto è di  grossa pezzatura anche nel proseguo della  raccolta, soprattutto se si fa ricorso a piante  fresche “a radice nuda”. Ottimo è l’aspetto per la forma perfettamente 
Conico allungata del frutto, molto regolare, di buona consistenza della polpa; l’elevata dolcezza rende i frutti molto saporiti. I principali difetti sono legati a possibili fessurazioni della base del frutto nel periodo invernale in concomitanza di troppo basse  temperature e soprattutto con apporti nutrizionali squilibrati alle piante; sempre nei  mesi invernali si può registrare una non perfetta colorazione
della base del frutto (talvolta bianca); la suscettibilità dei  frutti ai marciumi si evidenzia soprattutto nei casi di piante troppo vigorose o con densità di piantagione troppo elevata.