Professionista       Hobbysta

Melo

Descrizione

Il melo rappresenta la più importante specie frutticola italiana in termini di produzione. Con 22-23 milioni di quintali annui si alterna alla Polonia come primo paese europeo, con una produzione stabile o in leggero aumento, al contrario della Polonia che, a causa dei ricorrenti danni da freddo, ha una produzione molto altalenante.

La melicoltura mondiale si è fortemente standardizzata per quanto riguarda i portainnesti (M 9 e M 9 simili) e le forme di allevamento (fusetto o “spindle” e sue varianti, a fila singola). Si assiste invece ad una accelerazione del rinnovo varietale, in buona parte ancora basato su cloni più colorati di rosso di cultivar tradizionali come Red Delicious, Gala, Fuji, Braeburn, ecc., ma anche su un numero crescente di nuove costituzioni spesso prodotte e commercializzate con la formula “Club” per tenere sotto controllo sia la superficie coltivata che la qualità del prodotto commercializzato per il consumo fresco. Delle due varietà storiche, Golden Delicious mantiene la sua posizione di prima varietà coltivata in Italia, mentre il gruppo Red Delicious ha ceduto molte posizioni e ciò si osserva anche negli Stati Uniti dove la Red Delicious è stata, per oltre un secolo, la mela per antonomasia.
Le cultivar resistenti alla ticchiolatura, complessivamente, non sono ancora competitive con le cultivar tradizionali, ma il numero di varietà valide anche sul piano qualitativo e della serbevolezza continua a crescere. Queste varietà, comunque, si prestano meglio delle tradizionali, ad essere coltivate in biologico.